Home » Articoli » Depressione da rientro dalle vacanze

Depressione da rientro dalle vacanze

E’ iniziato il controesodo. Riprendere i ritmi di lavoro è già di per sè faticoso, ma farlo senza la “compagnia” degli altri colleghi ancora non rientrati è molto più difficile. Deve rientrare chi ancora ha un residuo di ferie e coloro che hanno scelto le cosiddette “ferie intelligenti” e sono appena partiti. Chi si salva è quindi immune dalla depressione post-ferie è chi non è partito affatto o chi non è proprio andato in ferie perché non ne ha avuto la possibilità economica o la voglia. Dopo aver perso quelle meravigliose abitudini di svegliarsi “...quando mi và...”, di scherzare, ballare e giocare insieme agli amici, ricominciare è certo difficile. Alcuni di noi soffrono svariate settimane prima di riprendersi del tutto, altri pochi giorni. Ma quali sono i sintomi che possono presentarsi al rientro dalle vacanze e che ci devono/possono preoccupare?

Sulla base della casistica più comune, i vacanzieri tornando a casa potrebbero avvertire:

  1. stato di ansia
  2. noia
  3. apatia
  4. insonnia
  5. aggressività
  6. malinconia
  7. depressione

Come fare per evitare questa sintomatologia?

La risposta è sempre la stessa: “...rientrare prima dalla vacanze e cercate di adattarvi lentamente alle vecchie abitudini di lavoro!”.

In realtà la soluzione che state leggendo adesso è irrealizzabile: voi siete rientrati stanotte e il guaio è già fatto!

Allora adesso che si fa...?

Una soluzione valida per tutti è “FERMATEVI!”.

Un solo attimo, cercate di elencare per ordine di importanza e intensità i ritmi che vi hanno stressato durante gli ultimi mesi prima di andare in ferie. E’ questo il momento di cominciare bene per vivere meglio!

La differenza rispetto allo scorso anno è che adesso potete farlo. Avete le energie e la voglia. Contemporaneamente questa vostra reazione rappresenta anche in parte la soluzione alla vostra depressione.

commenti (0)